IL POPOLO n. 16 del 24.04.2022

< Back

Verso l’assemblea sinodale: i tempi
La nuova fase: cinque sotto assemblee territoriali
in cui lavorano i 600 delegati scelti per la tappafinale

IL POPOLO

Verso l’assemblea sinodale: i tempi

La nuova fase: cinque sotto assemblee territoriali

in cui lavorano i 600 delegati scelti per la tappafinale


Il cammino verso l’assemblea sinodale, cominciato già un anno fa, si snoda adesso verso una nuova fase: quella che vedrà tutti i delegati che comporranno l’Assemblea, lavorare in "piccole" assemblee di area che si svolgeranno in cinque zone diverse del nostro territorio diocesano: Concordia, Pordenone, Roveredo, Spilimbergo, San Vito.

A seguito delle indicazioni che ci sono giunte dalle varie Unità Pastorali e dalla pronta risposta di associazioni e varie realtà diocesane, si è definito il numero di 600 delegati che prenderà parte ai lavori dell’Assemblea Sinodale.

Anzitutto è doveroso dire il nostro grazie a ciascuno per l’impegno e la passione che da subito avete mostrato.

Ciò che ci attende è un cammino di costante ascolto e di preghiera, certi che sarà lo Spirito Santo a guidare ogni nostro passo in questo processo di rinnovamento di tutta la Chiesa e in particolare della nostra Chiesa di Concordia-Pordenone.

Papa Francesco non si stanca di invitarci a vivere lo spirito del Concilio Vaticano II, per essere una Chiesa che diffonde la gioia del Vangelo, perché la gioia della Chiesa è evangelizzare.

Stiamo ultimando la fase di Ascolto, che ci ha visti impegnati per circa un anno. Sono stati tanti i contributi giunti da più parti della nostra diocesi.

Non solo parrocchie: sono stati numerosi i contributi da parte di Pro Loco, amministrazioni comunali, mondo del volontariato, associazionismo cattolico e non, scuola, mondo del lavoro.

Attraverso l’iniziativa #tiascolto sono state distribuite più di 60 scatole in diversi punti della provincia di Pordenone dove la gente ha potuto lasciare il proprio pensiero rispetto alla Chiesa e alle parrocchie. Non è stato un lavoro facile ma grazie all’impegno di numerose persone abbiamo raccolto tanto materiale.

Sulla base di quanto emergerà dalla lettura di questi contributi ricevuti, verrà realizzato l’Istrumentum Laboris che accompagnerà il cammino dell’Assemblea Sinodale per area (da ottobre 2022 a maggio 2023), nella quale i delegati avranno la responsabilità di farsi voce dello Spirito per il bene delle nostre comunità cristiane, offrendo le ’proposizioni’ per l’Assemblea unitaria conclusiva.

Perché i delegati possano prepararsi al meglio, prima di accedere alla fase delle assemblee di area, la Segreteria Generale si è preoccupata di organizzare due serate formative che si terranno presso l’Oratorio della parrocchia San Pietro di Cordenons (Sclavons).


- La prima sarà venerdì 29 aprile, dalle ore 20.30 alle 22.15, dopo un tempo di preghiera e di invocazione dello Spirito, Stefano Bucci del "Centro Studi Missione Emmaus" di Roma, ci aiuterà nella riflessione per entrare nel vero clima e stile sinodale.


- La seconda sarà venerdì 27 maggio, sempre dalle 20.30 alle 22.15, dove saranno presentati i temi e il funzionamento delle Assemblee sinodali di area che cominceranno con il prossimo ottobre.

Alex Zappalà

Vice-segretario

della Segreteria Generale






Nuova fase: tutti

i delegati che

comporranno

l’Assemblea,

lavorare in

"piccole" assemblee

di area che

si svolgerannoin

cinque zone

del nostro territorio

diocesano:

Concordia,

Pordenone,

Roveredo,

Spilimbergo

e San Vito



A seguito delle

indicazioni che ci

sono giunte dalle

varie Unità

Pastorali e dalla

pronta risposta di

associazioni e varie

realtà diocesane, si

è definito il numero

di 600 delegati che

prenderà parte ai

lavori

dell’Assemblea

Sinodale




#TIASCOLTO


Abbiamo bisogno del tuo aiuto! Rispondendo alle due domande ci aiuterai a creare una Chiesa al passo con i tempi come Papa Francesco auspica: “Una Chiesa sinodale è una Chiesa dell’ascolto, nella consapevolezza che ascoltare ‘è più che sentire’. È un Ascolto reciproco in cui ciascuno ha qualcosa da imparare. Solo volgendo lo sguardo verso l'orizzonte possiamo rinnovare davvero la nostra pastorale e adeguarla alla missione della Chiesa nel mondo di oggi; solo così possiamo affrontare la complessità di questo tempo, riconoscenti per il percorso compiuto e decisi di continuarlo con speranza”.


1. Cosa chiedi tu alla Chiesa oggi? Come potrebbero le nostre

parrocchie rinnovarsi, guardando al futuro?


2. Se ti senti lontano dalla Chiesa, perchè?


Si può rispondere dal sito de Il Popolo= www.ilpopolopordenone.it


o quello della Diocesi = https://diocesi.concordia-pordenone.it




IL POPOLO n. 16 del 24.04.2022